visirun

In aumento il traffico di mezzi pesanti: ricadute e soluzioni

In aumento il traffico di mezzi pesanti: ricadute e soluzioni

Il traffico di mezzi pesanti sulle autostrade è in aumento così come la competizione tra aziende di trasporto. Ma i localizzatori GPS possono fare la differenza

 

Secondo i dati emersi da un’elaborazione di Aiscat diffusa dal Centro Ricerche Continental Autocarro1, nei primi 9 mesi del 2017 si è registrato un aumento del 3,5% del traffico di veicoli pesanti in autostrada rispetto allo stesso periodo del 2016.

 

L’aumento registrato dal traffico di veicoli pesanti in autostrada è superiore anche a quello dei veicoli leggeri, che nei primi nove mesi del 2017 si attesta su un incremento dell’1,9%.

 

In totale, sempre secondo i dati elaborati da Aiscat, il traffico in autostrada da gennaio a settembre 2017 è cresciuto del 2,3% rispetto al 2016.

 

Se, in linea generale, il fenomeno è certamente positivo perché indica una ripresa dell’economia – quando le merci viaggiano è segno che domanda e offerta godono di buona salute – dall’altro più mezzi pesanti per strada portano ad un aumento di traffico (con rallentamenti, incidenti e tutto quello che ne consegue) e a una maggiore competizione tra aziende operanti nello stesso settore.

 

In uno scenario di mercato come quello attuale ogni strumento che aumenti la produttività può fare la differenza per accrescere il successo del proprio business.

 

Le soluzioni GPS per la gestione delle flotte aziendali sono pensate proprio per aiutare le aziende che per lavoro muovono mezzi e persone ad ottimizzare il proprio business con un occhio alla sicurezza.

 

Attraverso la mappatura dei percorsi e la localizzazione dei veicoli è possibile visualizzare le rotte di ciascun autista, conoscere in maniera precisa gli orari delle consegne effettuate e accertarsi che ogni mezzo giunga a destinazione attraverso il percorso più rapido, diretto ed economico evitando traffico, incidenti e pedaggi troppo costosi.

 

Infatti i localizzatori GPS più sofisticati riescono a monitorare la situazione del traffico, in modo da ricevere degli “alert” se sul tragitto si verifica un rallentamento e pianificare, di conseguenza, un percorso alternativo. Visirun, ad esempio, è in grado di calcolare tempi e distanze per arrivare a destinazione tenendo conto della situazione del traffico. Grazie a colori e animazioni il software mostra in modo chiaro la situazione delle strade fornisce indicazioni temporali sul ritardo che si accumulerà, insieme a possibili strade secondarie.

 

Inoltre, anche nello sfortunato caso di un incidente, il Sensore di Crash Integrato nei tracker GPS più avanzati rappresenta una tutela per le aziende. Esso consente infatti la rilevazione e la ricostruzione di incidenti e tamponamenti con dettaglio grafico delle decelerazioni che precedono l’urto, e un indicatore di gravità del sinistro. Informazioni, queste, che vengono anche notificate via Web, email e SMS riferendo la data e il luogo del sinistro. Infine, avvalendosi di un sistema di questo tipo, è possibile ottenere anche importanti sgravi assicurativi.

 


1 http://www.contitruck.it/2017/12/15/traffico-di-veicoli-pesanti-in-autostrada-35-nei-primi-9-mesi-del-2017-2/trackback/

 

In aumento il traffico di mezzi pesanti: ricadute e soluzioni ultima modifica: 2018-03-07T15:07:53+00:00 da visirun morecontrol